Piemonte.TurismoSi tratta di un fondo rotativo, in futuro incrementabile, destinato alla creazione di nuove strutture ricettive, al miglioramento di quelle esistenti, alla manutenzione degli impianti a fune, alla riqualificazione delle attrezzature turistiche, ad interventi su servizi di pertinenza quali centri benessere, impianti sportivi, aree di parcheggio.

Ammonta a 14 milioni e 700mila euro la dotazione del bando per lo sviluppo, potenziamento e riqualificazione dell’offerta turistica relativo al 2015.

Destinatarie della misura sono le piccole e medie imprese del territorio, che potranno usufruire di un finanziamento agevolato per investimenti con un importo minimo di 50mila euro.

In caso di interventi definiti “prioritari” la Regione finanzia a tasso zero il 70% del valore (con un massimo di 700mila euro), mentre il restante 30% è costituito da fondi bancari alle condizioni concordate fra Finpiemonte e gli istituti di credito.

Per le altre tipologie il finanziamento regionale a tasso zero è del 50% (con un massimo di 500mila euro) e la restante metà sempre resa disponibile dall’accordo stipulato da Finpiemonte con le banche.

La restituzione avverrà con piani di ammortamento che potranno essere di 5 o di 8 anni: nel primo caso i lavori andranno conclusi entro 48 mesi dalla data di concessione del finanziamento da parte di Finpiemonte, mentre nel secondo caso il termine diventa di 60 mesi.

Sono considerate prioritarie le opere su strutture esistenti che non ne aumentino la superficie, quelle necessarie a riaprire strutture chiuse da almeno due anni o ad incrementare l’efficienza energetica e la tecnologia domotica degli edifici, oltre che quelle per adeguare gli impianti a fune destinati al trasporto pubblico locale. Chiedi informazioni

Logo Italia Contributi

Richiedi un Appuntamento a Milano

Richiedi un appuntamento in altre città

Richiedi informazioni

Sei un Commercialista? Collabora con noi​

 

PIEMONTE L.R. 18/99

INTERVENTI REGIONALI A SOSTEGNO DELL’OFFERTA TURISTICA - 2015

 

 

FINALITÀ


L’obiettivo della misura è quello di sostenere investimenti finalizzati alla creazione di nuove strutture ricettive e al miglioramento dei quelle esistenti, degli impianti e delle attrezzature per il turismo.


BENEFICIARI


PMI che gestiscono strutture alberghiere ed extra-alberghiere, campeggi e villaggi turistici, impianti di risalita.

È necessario che, al momento della rendicontazione, il codice di attività primario ATECO 2007 dell’unità locale interessata all’ottenimento dell’agevolazione sia compreso tra quelli riportati al punto 3.1 lettera d) del Bando.


INIZIATIVE AMMISSIBILI


Sono ammessi al finanziamento gli investimenti di importo minimo pari a 50.000 euro, tesi alla creazione di nuova ricettività, miglioramento di quella esistente, realizzazione o miglioramento di impianti e attrezzature per il turismo, realizzazione di servizi complementari all’attività turistica all’aperto, adeguamento tecnico per gli impianti a fune.


E’ prevista una maggiorazione dell’agevolazione se:

 

  • il miglioramento della struttura ricettiva non preveda un aumento della superficie costruita;
  • il riadattamento e ampliamento di una struttura ricettiva cessata da almeno due anni;
  • adeguamento tecnico di impianti a fune per trasporto pubblico locale;
  • sistemi di gestione e controllo a distanza e aumento dell’efficienza energetica negli edifici esistenti;
  • il beneficiario possiede il rating di legalità attribuito dall’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato.


SPESE AMMISSIBILI


Investimenti avviati successivamente all’invio della domanda ed esclusivamente strumentali al progetto:

 

  • opere edili/scavi;

 

  • attivazione o adeguamento di impianti termoidraulici, elettrici, tecnologici e antincendio;

 

  • attrezzature, arredi, hardware e software;

 

  • opere per adeguamento tecnico degli impianti a fune.


Non sono ammessi beni usati, leasing, spese in economia, consulenze in generale, acquisto terreno o immobile, beni di consumo.


NATURA DELL’AGEVOLAZIONE


Finanziamento, fino a copertura del 100% delle spese ammissibili, così composto:

 

  • 50% fondi regionali a tasso zero (fino ad un massimo di € 500.000,00);
  • 50% fondi bancari, a tasso convenzionato.

Nel caso in cui al progetto venga assegnata la maggiorazione:

  • 70% fondi regionali a tasso zero (fino ad un massimo di € 700.000,00);
  • 30% fondi bancari, a tasso convenzionato.


Il finanziamento potrà avere una durata massima di

  • 60 mesi (di cui uno di pre-ammortamento facoltativo)
  • o a 96 mesi (di cui due di pre-ammortamento facoltativo).

 

DOMANDA


La domanda va presentata via Internet dopo aver ottenuto la delibera positiva della banca.

MAGGIORI INFORMAZIONI

RICHIEDI